L’Oriente Diverso” 

Il Myanmar (ex Birmania) è un mondo a parte con una storia millenaria. Nel primo secolo a.C. le sponde del fiume Irrawaddy che si estende per circa 2200 Km da nord a sud, furono abitate dai Pyu, il cui regno scomparve nel 656. I birmani, o bamar, emigrarono dal Tibet nel IX secolo e nell’849 stabilirono il potente Regno di Pagan che controllò a partire dal 1100 gran parte dell’Indocina. Le dinastie si susseguirono, il Paese subì invasioni e cambiamenti epocali sino a raggiungere l’indipendenza dai britannici nel 1942. Dopo il colpo di stato militare che oscurò il Paese per molti anni, attualmente il governo ha concesso diverse riforme. Il nostro itinerario offre la straordinaria possibilità di scoprire un Paese dove il tempo sembra essersi fermato. Popolato da etnie diverse che conservano immutate tradizioni millenarie e pervaso da un’atmosfera di intensa spiritualità e da una natura ricca e rigogliosa che lo rende unico, l’ex Birmania si distingue nella espressione delle sue tante religioni, dei suoi templi e dei suoi paesaggi. Si inizierà da Yangon, la ex capitale conosciuta anche con il nome di Rangon. Il passato coloniale e il patrimonio religioso fanno della città uno dei luoghi più affascinanti del Sudest asiatico. Successivamente si visiterà Bagan, la suggestiva città nota per essere uno dei più grandi siti architettonici in Asia. Da lì a Mandalay, una delle antiche capitali reali e poi in volo per Heho, ingresso del Lago Inle. Sul lago il paesaggio è assolutamente mozzafiato: le acque sono punteggiate di vegetazione galleggiante che crea incredibili giardini e di imbarcazioni di pescatori che conducono magistralmente le loro imbarcazioni remando con una gamba. L’ultima sosta prevede un soggiorno di tre giorni sulle candide sabbie della incontaminata spiaggia di Ngnapali affacciate sulla Baia di Bengali.

Vedi il Tour Effettuato

Additional information

DestinazioneMyanmar
Durata13 giorni
1

ITALIA / YANGON

Presentazione presso l’aeroporto di partenza.
Partenza per Yangon con volo di linea con possibile scalo.
Arrivo a Yangon, disbrigo delle formalità doganali, procedura per il rilascio del visto, ritiro dei bagagli e trasferimento all’hotel:

SULE SHANGRI-LA YANGON (4* sup.) o similare
In posizione centrale dispone di ristoranti, bar, negozi, fitness, sauna, jacuzzi, centro bellezza,
piscina esterna, accesso Wi-Fi in tutte le camere
Camere con TV, phon, telefono, minibar, kit per caffè e tè, cassetta di sicurezza.

Occupazione immediata delle camere. Prima colazione.
Tempo a disposizione. Pranzo libero.
Partenza in bus privato e guida parlante italiano per la visita di Yangon.
L’ex capitale Yangon, conosciuta anche sotto il nome di Rangoon, è la città più grande del Myanmar. Il suo passato coloniale e il suo patrimonio religioso fanno della città uno dei luoghi più affascinanti del sudest asiatico, e si distingue anche per un’interessante mistura di diversi stili: inglese, cinese, birmano e indiano. Bagnata da due fiumi e da due laghi è circondata da viali alberati e parchi ombrosi.
Inizierete con una passeggiata su Mahanbandola Street dove si trova la Chiesa Imanuel Battista costruita nel 1830, e continuerete camminando attraverso piccole strade dove si trovano interessanti mercatini. Proseguirete la passeggiata per ammirare superbi edifici quali quello della Corte Suprema, dell’Inland Water Transport e della sede della Myanmar Port Authority prima d’arrivare sulla Strand Road. Durante la tappa successiva potrete vedere il maestoso Strand Hotel, la Dogana e il Palazzo di Giustizia, un imponente edificio ornato da colonne. Tornando al nord della città, passando per la verdissima Bank Street, arriverete alla Sule Pagoda Road, con la sua celeberrima Sule Pagoda, simbolo del centro città, costruita più di 2000 anni fa. Proseguirete verso ovest, in direzione di Mahanbandoola Street che attraversa Chinatown e il caotico rione indiano. Potrete esplorare i negozi d’oro di Shwe Bontha Street e date un’occhiata alla Sinagoga Moseh Yeshua sulla 26th Street. Una volta arrivati al mercato Theingyi Zei, non esitate a scoprire i rimedi della medicina tradizionale cinese. Poi prenderete la direzione d’Anawratha Street che vi condurrà al Tempio di Sri Kali, il più colorato tempio indù di Yangon.
Rientro in hotel. Cena e pernottamento.

2

YANGON

Dopo la prima colazione partenza per una escursione davvero particolare. Vi dirigerete verso il molo di Pansodan per attraversare il fiume Yangon a bordo di un traghetto fino all’affascinante rione di Dhala. Dhala non ha ponte che lo collega a Yangon, il traghetto è l’unica connessione col centro città. Giunti a Dhala a bordo di un trishaw si attraverserà la località per una serie di visite che vi daranno la possibilità di incontrare e interagire con la realtà locale dei distretti rurali e dei templi buddisti. Questa escursione è una delizia per gli appassionati di fotografia grazie ai paesaggi di uno splendore incredibile. Godetevi un drink in un Tea Shop sul molo con la città di Yangon in sfondo. Rientro a Yangon. Pranzo libero. Nel pomeriggio si effettueranno altre visite: la prima alla pagoda Kyaukhtatgyi, con l’imponente statua di Buddha, lunga 70 metri. Successivamente una  sosta verrà effettuata al Lago Reale, situato nel parco Kandawgyi, un luogo molto apprezzato dagli abitanti della città, specialmente alle prime luci dell’alba e al tramonto. Dalla riva si può vedere il Palazzo Karaweik, replica di una barca reale. Da ultimo  visiterete uno dei luoghi più sacri del Paese: la mitica e maestosa Pagoda Shwedagon: una miriade di piccole pagode, di templi, padiglioni e statue fanno da cornice al suo fiammeggiante stupa alto 100 metri e coperto da 40 tonnellate di foglie d’oro ed impreziosito di gemme e diamanti nell’ombrello sulla cima. Nel 1920 Somerset Maugham la descriveva così: “La Shwedagon si erge superba luccicante nel suo oro, come una improvvisa speranza nella notte scura dell’anima”.
Cena in ristorante . Pernottamento.

3

YANGON / BAGAN

Prima colazione in hotel
Dopo la colazione, trasferimento all’aeroporto.
Partenza con volo interno per Bagan (aeroporto di Nyaung).
Arrivo a Bagan. Trasferimento in bus privato e guida parlante italiano alla scoperta della splendida Bagan, Patrimonio dell’Umanità dal 2002.   Verso la metà dell’XI secolo, sotto il regno del re Aanawrahta (1044-1077) divenne un unico regno, iniziando la sua età dell’oro, dove la cultura Mon e soprattutto la sua forma di buddismo Theravada esercitò un’influenza dominante. Si pensa che i monarchi abbiano costruito più di 13.000 tra templi e altre strutture religiose. Sino alla conquista da parte delle forze di Kublai Khan nel 1287 Bagan è stata il centro vibrante di una frenetica architettura religiosa. Ora di queste costruzioni ne rimangono 2000: un patrimonio unico che costituisce uno dei siti archeologici più significativi al mondo. Due le strutture architettoniche storiche che si trovano nell’area di Bagan.
La Pagoda, o stupa, originariamente un cumulo di pietre poi diventato monumento funebre sino ad acquistare il simbolismo cosmico del Buddha. L’altra è il Tempio, o pahto, ispirati dalle grotte scavate nella roccia dai buddhisti in India, luoghi che comprendevano corridoi riccamente affrescati. Si giungerà dapprima all’altissimo tempio di Ananda, da cui si può ammirare tutta la spianata dei templi. Da lì seguiranno le visite ai siti più importanti, meraviglie costruite fra il  IX e il XIV secolo. Si avrà modo anche di sostare alle due botteghe che offrono manufatti della bellissima lacca di Bagan. Sistemazione all’hotel
MYANMAR TREASURE RESORT – (4* superior)  o similare
In stile tradizionale ed elegante, si trova nella zona dei templi. Bar, ristorante, piscina, negozi, SPA. Camere con TV, kit per caffè/tè, minibar, cassaforte, telefono.
Pranzo libero. Nel pomeriggio un’escursione insolita: una crociera sul fiume Irrawaddy.
Partenza dall’hotel per raggiungere l’imbarcadero di Bagan. Salirete a bordo d’una barca privata che navigherà sull’Irrawaddy per arrivare a Kyauk Gu U Min. Questa mini-crociera (circa 3h) vi permetterà di scoprire la quotidianità degli  abitanti dell’area, che non si sono fatti condizionare dal fatto di vivere in questo “museo”. Si farà scalo al villaggio di Sae Lan, una comunità di agricoltori e pescatori che trascorrono con semplicità e serenità una vita fatta di abitudini arcaiche.
La crociera  continuerà in direzione di Kyauk Gu U Min situato sulla riva orientale del fiume. Pochi minuti di camminata  basteranno per arrivare all’entrata del tempio con le sue magnifiche sculture di pietra che rappresentano scene religiose. La scoperta di questo incredibile edificio costruito a fianco di una scogliera permette d’arrivare a una tranquilla grotta: un vero luogo di meditazione che secondo un’antica leggenda è stata scavata nel XIII secolo affinché gli abitanti potessero nascondersi dai Mongoli. Ritorno a Bagan in barca (circa 1h).
Cena in hotel. Pernottamento.

4

BAGAN

Dopo la prima colazione, si partirà alla scoperta di quello che rimane da vedere di questa incredibile località. Si inizierà dal dinamico mercato di Nyaung Oo, dove la gente dalla campagna viene per vendere prodotti freschi. Da qui si continuerà con quella che è considerata la Vecchia Bagan, a cominciare dalla Pagoda Shwezigon, costruita dal Re Anawrahta all’inizio dell’XI secolo. Poi partirete per un piccolo villaggio, circolando su strade polverose fra vicoli ombrosi, templi e monasteri, alla scoperta di monumenti meno noti e lontani dai flussi turistici, che vi daranno un’altra visione di Bagan. Successivamente si partirà in calesse per visitare i templi di Thatbyinnyu, il più grande tempio di Bagan, il gigantesco tempio di Dhammayangyi famoso per la sua architettura particolare e, naturalmente, il Tempio Sulamani. Al termine della giornata ammirerete un incredibile tramonto dalla terrazza più alta di uno dei templi della zona.   Pranzo libero. Cena in hotel. Pernottamento.

5

BAGAN / MANDALAY

Dopo la prima colazione partenza per Mandalay (circa 4 ore di macchina). Arrivo e sistemazione all’hotel
SEDONA HOTEL MANDALAY ( 4* sup.)  o similare
In posizione centrale, ristorante, bar, negozi, SPA, piscina.
Camere con phon, minibar, cassaforte, TV, kit per caffè/tè, WiFi.

Pranzo libero. Dopo un breve riposo inizio delle visite.
Mandalay, costruita sulle sponda del fiume, è stata l’ultima capitale del regno birmano, prima che l’occupazione britannica ne decretasse la fine ed è oggi la seconda città del Paese con una popolazione che si aggira attorno al milione. E’ stata capitale dal 1857 al 1885, quando l’ultimo Re birmano fuggì in India. Molte le costruzioni che ne testimoniano gli antichi splendori. Le visite inizieranno con l’affascinante Amarapura, antica capitale. Il suo nome significa “città dell’immortalità”; si proseguirà con la visita del rinomato centro di studio monastico Mahagandayon, dove vivono mille giovani monaci. Successivamente si raggiungerà il famoso Ponte U Bein, il più lungo ponte in tek del mondo, costruito nel 1782, che si estende sul lago Taungthaman. Particolare l’atmosfera del tramonto quando i raggi del sole illuminano il villaggio.
Rientro in hotel. Cena e pernottamento.

6

MANDALAY

Prima colazione.
La giornata inizierà con la visita mattutina del mercato di Mandalay. La mattina il mercato è animatissimo. Sarete storditi dall’animazione creata dai rapporti fra commercianti e clienti.
Dopo questo tonico inizio di giornata,  continuerete il vostro viaggio sull’Irrawaddy con destinazione Sagaing. Il magnifico panorama delle colline di Sagaing, costellate da 600 monasteri e pagode di colore avorio, è sorprendente. Sagaing è  considerata come il centro spirituale del Myanmar, qui vivono circa 3000 monaci e ci sono circa 100 santuari di meditazione. Si visiteranno le pagode di Swan Oo Pon Nya Shin, U Min Thone Sae e Shin Pin Nan Gyaing, e un piccolo villaggio di ceramisti, noti per la loro produzione di vasi, per osservare gli artigiani lavorare utilizzando metodi millenari. Pranzo libero. Nel pomeriggio si tornerà all’est del fiume, con sosta al villaggio di Kan Daw che si trova sul cammino,  noto per la produzione di “longyi“e altri prodotti tessili. Anche se la produzione non è più fatta a mano al 100% rimane una produzione bellissima.  Un pranzo leggero e del tè saranno serviti nella casa di una famiglia prima di tornare al vostro bus. Seguirà la visita di Ava, che fu capitale dal 14° al 18° secolo. Si attraverserà il fiume in traghetto per poi prendere il mezzo che vi porterà sino al monastero di legno di Bagaya, noto per le sue fantastiche sculture in legno. Ammirerete anche la Torre dell’Orologio di Nanmyint – chiamata anche “Torre pendente d’Ava” – una reliquia di ciò che  rimane del palazzo e del monastero Maha Aungmye Bonzan. Ritorno in barca a Mandalay nel tardo pomeriggio e  trasferimento in bus all’hotel.
Pranzo in ristorante in corso di escursione. Cena libera. Pernottamento.

7

MANDALAY / HEHO - INLE

Dopo la prima colazione, trasferimento all’aeroporto (1 ora di bus).
Partenza con volo di linea e arrivo a Heho.
Heho si trova nello stato dello Sahn, ai confini della Thailandia, detto “la Svizzera birmana” per i suoi paesaggi montani. Ritiro dei bagagli e trasferimento al villaggio di Nyaung Shwe, ingresso del lago Inle (32 km – 1 ora di bus) attraversando  incantevoli paesaggi collinari. Numerose sul percorso le  botteghe locali  che espongono in particolare carta e ombrelli realizzati dall’etnia Shan. Sosta al monastero  di Shweyanpyay, completamente costruito in tek e famoso per le incredibili sculture realizzate a mano dai monaci. Arrivo a Nyaung Shwe intorno a mezzogiorno. Pranzo libero.
Una volta raggiunte le rive del lago, vi imbarcherete a bordo di una lancia a motore privata per iniziare la vostra crociera sul Lago Inle. Il paesaggio è assolutamente mozzafiato: le acque calme e limpide del Lago sono costellate di vegetazione che forma isole galleggianti tra cui si muovono le  imbarcazioni di pescatori. In questo luogo eccezionale gli 80.000 abitanti dell’etnia Intha che vuol dire “figli dell’Acqua” vivono la loro vita tra la soavità del paesaggio  circondato da imponenti montagne che si ergono sullo sfondo. Attraverserete diversi villaggi lacustri  con i loro incredibili giardini galleggianti (fatti di humus, erbe, giacinti d’acqua e ancorati al fondo del lago con canne di bambù) e vi stupiranno i famosi pescatori del lago Inle, che conducono magistralmente le loro imbarcazioni remando con una sola gamba. Si sosterà alla Pagoda Phaung Daw Oo, il luogo più tranquillo del lago, che custodisce cinque immagini sacre di Buddha decorate in oro.  Scoprirete anche il ricco artigianato del lago durante la visita del villaggio d’Inpawkhone, noto per la tessitura della seta di loto.
Verso le ore 17.00 arrivo, a bordo di lancia a motore, per la sistemazione in camere floating duplex all’hotel

PRISTINE LOTUS SPA RESORT (4* superior)  o similare
Ristorante, negozi, SPA, WiFi nei luoghi comuni, piscina, jacuzzi, SPA. Camere con minibar, telefono, cassaforte, phon, kit per caffè/thè.

Cena in hotel. Pernottamento.

8

INLE

Dopo la colazione, partenza a bordo di una lancia alla volta del villaggio di Khaung Daing (circa 30’), famoso per la coltivazione di tofu e di diverse varietà di fagioli. Non ancora scoperto dal turismo di massa , è  una piccola ‘chicca’ che conserva ancora la propria autenticità che scoprirete passeggiando tra i vicoli della località.
Ritorno in barca per attraversare i villaggi galleggianti distribuiti lungo tutto il Lago ed ammirarne i giardini: la guida fornirà spiegazioni sull’importanza dei ‘floating gardens’, un ingegnoso mezzo di sostentamento alla base dell’economia agricola della regione.
Proseguimento in barca per la visita delle splendide colline di Inthein fino al villaggio omonimo che si attraverserà prima  di iniziare la salita fino alla cima della collina. Qui si trovano più di mille pagode risalenti al XIII secolo  ricoperte di muschio: uno dei luoghi più suggestivi del lago. Rientro in barca e, tempo permettendo, sosta all’Inthar Heritage House, casa d’ispirazione indigena, costruita secondo l’architettura tradizionale della regione.
Pranzo in corso d’escursione. Cena libera. Pernottamento.

9

INLE / THANDWE - NGAPALI

Prima colazione.
Trasferimento in aeroporto in bus privato.
Partenza con volo interno per Thandwe.
Arrivo a Thandwe e proseguimento per la località di Ngapali (20 minuti)
Arrivo e sistemazione all’hotel

SANDOWAY RESORT – (5* deluxe)  o similare
Il resort si trova direttamente sulla spiaggia, in un contesto naturale di grande bellezza. Ristorante, poolbar nei pressi della piscina, SPA, Wifi. Camere dotate di minibar, cassetta di sicurezza, aria condizionata, ventilatore a pale, telefono, doccia.
Pranzo libero. Cena in hotel. Pernottamento.

10-11

NGAPALI

Giornate a disposizione per relax e vita di mare con trattamento di mezza pensione (prima colazione e cena)

12

NGAPALI / YANGON

Prima colazione
In tempo utile trasferimento in aeroporto all’aeroporto di Ngapali.
Partenza con volo interno e arrivo a Yangon. Ritiro dei bagagli e trasferimento all’hotel SEDONA YANGON (4*)
dove potrete rilassarvi nelle camere a vostra disposizione sino all’orario di partenza per l’aeroporto, che dista ca. 20 minuti dall’hotel.
Trasferimento in aeroporto.

13

YANGON / ITALIA

Partenza per l’Italia con volo di linea internazionale con possibilità di scalo.
Arrivo in Italia e proseguimento per gli aeroporti di destinazione.

DOCUMENTI PER L’ESPATRIO E VISTO
Passaporto con validità residua non inferiore a 6 mesi dalla scadenza dal momento dell’entrata in Myanmar.
Visto d’ingresso:
Il visto turistico ha una validità di 28 giorni e la richiesta online per l’ottenimento dello stesso con ritiro in aeroporto a Yangon sarà a nostra cura. Dovranno esserci forniti, entro il 10 ottobre, i seguenti documenti e dati:

  • fotocopia o scansione del passaporto (solo le 2 pagine con i dati e la foto);
  • foto a colori in formato elettronico di dimensioni 4,8 cm x 3,8 cm non più vecchia di 3 mesi o fototessera in originale via posta che sarà poi scannerizzata a nostra cura;
  • comunicare l’esatto indirizzo di casa (dove si ha la residenza) e l’occupazione;

CONSIGLI SANITARI
Non esistono obblighi per quanto riguarda le vaccinazioni. Si consiglia di consumare acqua e bibite solo da contenitori sigillati. Si consiglia di portare con sé i farmaci di cui si può avere immediato bisogno.

FORMALITÀ VALUTARIE E DOGANALI
È obbligatorio dichiarare, all’entrata ed all’uscita dal Paese, qualsiasi valuta straniera il cui ammontare superi o sia equivalente al valore di 10.000 Dollari USA. I bagagli dei viaggiatori possono essere sottoposti a controlli accurati. Qualsiasi pubblicazione o materiale audiovisivo, considerato dalle Autorità locali di natura indecente o lesiva dell’interesse ed integrità del Paese , può essere sottoposto a sequestro. E’ obbligatorio dichiarare all’arrivo il possesso di eventuali gioielli (anelli, bracciali, collane, etc.) indicandone il valore. Gli inadempienti potrebbero, al momento della partenza, essere sospettati di esportazione illegale di preziosi. E’ illegale l’esportazione di oggetti di culto, di antiquariato e frammenti di monumenti. Si raccomanda di evitare di raccogliere frammenti di monumenti che apparentemente giacciono incustoditi. I controlli doganali sono particolarmente attenti e severi. L’acquisto di pietre preziose, gioielli e oggetti di valore, a solo scopo personale, deve essere effettuato esclusivamente presso negozi autorizzati, i quali sono tenuti a rilasciarne ricevuta, necessaria all’esportazione, da esibire alle autorità aeroportuali all’uscita del Paese.
La valuta ufficiale è il Kyat (MMK). Un Euro = 1.327,17 Kyat circa.
Il cambio valuta può essere effettuato presso gli ormai numerosi sportelli di cambio, presenti anche all’aeroporto o  nelle banche operanti nel Paese. La valuta locale – non convertibile – ha corso legale esclusivamente in Myanmar ed è utilizzata per le spese in loco. E’ consentito effettuare pagamenti  e  ritirare denaro in contante con carte di credito MasterCard e Visa; si consiglia vivamente di arrivare in Myanmar con sufficiente valuta in contanti preferibilmente Euro o Dollari USA di nuova stampa.

FUSO ORARIO
Lancette avanti di 5h30m 

CHIAMATE TELEFONICHE
Chiamate Italia – Myanmar 0095 + il prefisso senza lo “0” ed il numero dell’abbonato.
Chiamate Myanmar – Italia 0039 + prefisso con lo “0” ed il numero dell’abbonato.
La rete telefonica locale  all’interno del Paese è obsoleta e spesso i collegamenti sono difficoltosi. L’utilizzo di telefoni cellulari con sim card provenienti dall’estero resta difficoltoso a causa del malfunzionamento del sistema di roaming internazionale. I telefoni italiani sono comunque utilizzabili con sim card acquistate in Myanmar. E’ proibita l’importazione e l’utilizzo di telefoni satellitari.
Come sempre consultate comunque il vostro gestore prima di partire.
I costi di una telefonata internazionale sono molto alti. E’ bene informarsi sulle tariffe prima di effettuare una chiamata internazionale o di inviare un messaggio e-mail.
Le connessioni Internet, benché alquanto lente e spesso inaffidabili,  sono ora disponibili nei principali alberghi ed Internet Café. E’ possibile prendere in affitto, previo deposito a garanzia, carte telefoniche con o senza i telefoni cellulari presso gli sportelli presenti in aeroporto.

L’ELETTRICITA’
La corrente elettrica è a 230 Volt con una frequenza di 50 Hz. Si trovano prese sia con spinotti rotondi che di tipo inglese, per cui è utile avere con sé un adattatore.

LO SHOPPING
Buone occasioni e bella varietà di prodotti artigianali. Da segnalare i tessuti, le lacche, gli oggetti in bambù. Siate molto cauti nell’acquisto di pietre preziose e custodite la ricevuta attestante l’acquisto nei negozi autorizzati dal governo. Giade, rubini, zaffiri e smeraldi sono estratti in abbondanza. 

LINGUA
È il birmano che ha una sua scrittura e un suo alfabeto. L’inglese è la lingua straniera più diffusa, parlato soprattutto dalle persone di classe sociale medio-alta.

CLIMA
In Myanmar ci sono tre stagioni ben distinte. L’estate, da giugno a ottobre, con clima caldo umido e piogge monsoniche, l’inverno, da novembre a marzo, con clima secco e fresco, senza dubbio il periodo migliore per visitare il Paese. Infine la primavera, da aprile a giugno, registra caldo torrido con temperature fino a 40°C.

RELIGIONE
Buddhisti (89%) – Cristiani (4%) – Musulmani (4%) –  Induisti e Animisti (3%).

ABBIGLIAMENTO
L’abbigliamento deve essere comodo e pratico, leggero, senza dimenticare qualche capo più pesante, a seconda dei luoghi visitati, un impermeabile leggero. È doveroso rispettare le usanze locali in fatto di vestiario, soprattutto nei siti religiosi: non sono graditi pantaloncini corti e canottiere. Nei templi è obbligatorio andare a piedi nudi (senza calze). Nello stato Shan (Pindaya, lago Inle), può essere piuttosto freddo nelle ore serali e di primo mattino, quindi può essere utile una giacca a vento. Munirsi di repellente per zanzare e di crema solare. 

HOTEL
Non esiste un sistema ufficiale per la classificazione degli hotel in Myanmar.
Il check-in dalle ore 14.00 – check-out entro le ore 12.00 se non altrimenti specificato.

VOLI
I voli interni in Myanmar sono soggetti a variazione di orari in loco